m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
Commercio Estero ISTAT: cresce l’export su base annuale, luglio in flessione – IC&Partners
8386
post-template-default,single,single-post,postid-8386,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-en_GB,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Commercio Estero ISTAT: cresce l’export su base annuale, luglio in flessione

Sono stati diffusi oggi dall’ISTAT i dati sul commercio estero relativi al mese di luglio 2019.

Nel mese analizzato, e dopo quattro consecutivi di crescita, l’export registra una flessione congiunturale (-2,3%) diffusa a tutti i raggruppamenti principali di industrie e principalmente determinata dal calo delle vendite di beni di consumo non durevoli e di beni strumentali.

La diminuzione congiunturale dell’export è da ascrivere al calo delle vendite sia verso i mercati extra UE (-3,9%) sia verso i paesi UE (- 1,1%) Analogamente le importazioni sono in aumento (+1,8%) sia dai mercati extra UE (+2,8%) sia dall’area UE (+1,0%).

Tra i settori che contribuiscono alla crescita tendenziale dell’export si segnalano articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+27,3%), prodotti alimentari, bevande e tabacco (+13,9%), articoli in pelle, escluso abbigliamento, e simili (+15,3%), mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi (+13,1%) e articoli di abbigliamento, anche in pelle e pelliccia (+12,8%); mentre nello stesso mese contribuiscono negativamente i prodotti petroliferi raffinati (-19,4%).

Su base annua invece, l’export cresce (+6,2%), trainato principalmente dai mercati extra UE (+8,0%), ed in misura più lieve dai mercati UE (+4,7%). Analogamente le importazioni sono in aumento (+1,8%) sia dai mercati extra UE (+2,8%) sia dall’area UE (+1,0%).

I Paesi che contribuiscono maggiormente all’aumento delle esportazioni (su base annua) sono Svizzera (+32,8%), Stati Uniti (+18,0%), Francia (+4,6%) e Spagna (+8,9%), mentre si registra una diminuzione delle vendite verso i paesi OPEC (-13,1%) e la Cina (-10,1%).

Nei primi sette mesi del 2019, l’aumento su base annua dell’export (+3,2%) è determinato principalmente dalle vendite di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+27,9%), prodotti tessili e dell’abbigliamento, pelli e accessori (+7,9%) e prodotti alimentari, bevande e tabacco (+8,0%).

Si stima che il surplus commerciale aumenti di 1.972 milioni di euro (da +5.659 milioni a luglio 2018 a +7.631 milioni a luglio 2019). Nei primi sette mesi dell’anno l’avanzo commerciale raggiunge +29.710 milioni (+53.484 milioni al netto dei prodotti energetici).

Nel mese di luglio 2019 si stima che l’indice dei prezzi all’importazione diminuisca dello 0,1% in termini congiunturali e dell’1,8% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Fonte: ISTAT, Commercio estero Luglio 2019

en_GBEnglish (UK)