m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
Novità legislative in tema di Patent Box – IC&Partners
2286
post-template-default,single,single-post,postid-2286,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-en_GB,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Novità legislative in tema di Patent Box

patent box

Il Patent Box è un regime opzionale di tassazione agevolata che consente di ottenere l’esclusione parziale ai fini IRES, IREPF ed IRAP dei redditi derivanti dalla concessione in uso e dall’utilizzo diretto di determinati beni immateriali (brevetti, marchi, modelli ecc.). A tale proposito l’agevolazione in commento consiste in una variazione in diminuzione da operare alle imposte suddette in misura pari al 30% nel 2015, 40% nel 2016 e 50% a partire dal 2017 del reddito agevolabile.

Tale regime fiscale, ideato per favorire l’attività di ricerca e sviluppo in Italia, è applicabile ai titolari di reddito d’impresa, italiani e stranieri con stabile organizzazione in Italia, che svolgono attività di ricerca e sviluppo (R&D).

 

I beni immateriali agevolabili

  • Software protetti da copyright;
  • Brevetti industriali concessi in uso o in corso di concessione;
  • Disegni e modelli giuridicamente tutelabili;
  • Informazioni aziendali ed esperienze tecnico industriali, comprese quelle commerciali o scientifiche proteggibili come informazioni segrete giuridicamente tutelabili (Know how);
  • Marchi di impresa (registrati o in corso di registrazione): non è necessario che i beni siano registrati presso gli enti preposti, ma solo che per tali beni le leggi vigenti prevedano “potenzialmente” la protezione.

Con riferimento alle ultime 2 categorie, queste potrebbero essere oggetto di agevolazione fino al 31/12/2016, data a seguire dalla quale, probabilmente, la normativa italiana verrà conformata al dettato OCSE che non prevede la possibilità di agevolare tali beni immateriali.

 

Cosa si intende per attività di ricerca e sviluppo

Affinché l’agevolazione possa trovare applicazione, è necessario che i beni immateriali siano conseguenti ad attività di ricerca e sviluppo. Sono così individuate tutte quelle attività finalizzate allo sviluppo, mantenimento e accrescimento del valore dei beni immateriali, svolte in via diretta dai soggetti che esercitano direttamente l’opzione “patent box”, o in outsourcing attraverso l’ausilio di società esterne od università.

In particolare vengono classificate come attività di R&D:

  • Ricerca fondamentale: lavori sperimentali o teorici svolti per acquisire nuove conoscenze, ove successivamente utilizzate nelle attività di ricerca applicata e design;
  • Ricerca applicata: ricerca pianificata per acquisire nuove conoscenze e capacità per sviluppare nuovi prodotti, processi o servizi o per migliorarli;
  • Design: riguarda le attività di ideazione e progettazione di prodotti, processi e servizi e le attività di sviluppo dei marchi;
  • L’ideazione e realizzazione di software coperto da copyright;
  • Le ricerche preventive, i test e le ricerche di mercato finalizzati ad anticontraffazione, deposito, ottenimento, mantenimento dei relativi diritti;
  • Attività di presentazione, comunicazione e promozione cha accrescono marchi, immagini dei prodotti e dei servizi, design ad altri materiali proteggibili.

 

Come si calcola il reddito agevolabile e il beneficio complessivo

en_GBEnglish (UK)
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano