m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
A Colazione con…. Luca Savino – IC & Partners
12391
post-template-default,single,single-post,postid-12391,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-it_IT,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

A Colazione con…. Luca Savino

Ogni qualvolta Roberto mi  chiede di dire qualcosa in qualche contesto, accetto con entusiasmo e ne sono onorato. Poi mi prende lo sconforto perché essergli originale è come regalare una cravatta a Marinella.

Ad ogni buon conto eccomi qua…

L’adattamento non è camaleontismo,

ma indica la capacità di resistere e di assimilare

Mahatma Gandhi

Quando nel corso della nostra vita, ci si trova di fronte a situazioni nuove, complesse, dolorose, imponderabili e sconosciute e comunque non facilmente modificabili, dobbiamo giocoforza adattarci per poter sopravvivere fisicamente e soprattutto psicologicamente.

Adattarsi non è acquiescenza, non è nemmeno convenienza, adattamento è il cambiamento di sé, delle strutture e dei mezzi che abbiamo a disposizione per affrontare le “novità” che arrivano dall’ambiente.

L’uomo ha una grande capacità di adattamento e non solo per caratteristiche fisiche ma proprio per quella che da sempre è definita la “variabile umana” ovvero la gamma di comportamenti che gli individui riescono ad avere nelle condizioni di stress o di pressione. Ciò gli consente esprimersi mettendo in campo quelle caratteristiche di duttilità che lo caratterizzano, soprattutto nelle situazioni più estreme. 

Dopo l’11 settembre la vita di chi viaggia è stata completamente cambiata. I controlli, l’attenzione ai liquidi, le pazienti attese per la verifica del bagaglio i body scanner sono entrati nel quotidiano dei passeggeri che da un iniziale protesta per le “lungaggini” prima dell’imbarco – accentuate nei momenti di partenza per le vacanze da quei passeggeri “non frequent flyer” – che hanno accettato di buon grado il cambiamento, registrando nel proprio inconscio che tutto è fatto in realtà per la propria sicurezza.

Ma oggi non parliamo di liquidi, profumi e file all’aeroporto. Oggi parliamo di code ordinate al supermercato. Oggi vediamo guanti e mascherine, guardiamo all’attesa di un vaccino che sarà come il “Messia”, vediamo l’insinuarsi di un virus peggiore che intaccherà la reputazione dei posti dove la gente vive, abita e offre ospitalità. Parliamo di diffidenza.

Per un po’ gli stranieri non verranno più e ciò potrebbe portare a cominciare a conoscere i nostri vicini di casa e non solo, che oggi sono più stranieri per noi rispetto a quelli che arrivano dall’altra parte del Mondo.

Grazie a quello che ci è accaduto abbiamo cominciato a conoscere la solidarietà.  Domani forse supereremo per necessità l’indifferenza. Un male che ci ha afflitto da troppo e per il quale forse è stato necessario un virus per trovare un rimedio.

Sarà importante adattarsi alle nuove tecnologie, adattarsi al rispetto delle priorità, adattarsi alla necessità di altri con cui conviviamo, insomma adattarsi…

Fonte: elaborazione a cura di dott. Luca Savino, Studio Savino, news@icpartners.it

it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano