m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
E-commerce in Russia, cambiano le esenzioni in dogana – IC&Partners
5027
post-template-default,single,single-post,postid-5027,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-it_IT,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

E-commerce in Russia, cambiano le esenzioni in dogana

dogana

Dalla nostra sede di Mosca IC Trade

Cambiano le regole che disciplinano le soglie delle esenzioni in dogana: il Ministero delle Finanze della Federazione Russa ha presentato un nuovo modello riguardante le spese doganali per i pacchi postali.

 

Prima di questa normativa, in Russia il dazio veniva riscosso solo su beni acquistati su Internet dall’estero con un costo superiore a 1000€ al mese e peso oltre i 31 kg. Superato questo limite, il dazio era del 30% e in ogni caso non inferiore a 4€ al kg. Nel mese di dicembre 2017, il Consiglio della Commissione economica euroasiatica (ECE) ha deciso di ridurre i limiti doganali per l’importazione di pacchi nel territorio dei Paesi membri.

 

Dal 1° luglio, il dazio viene riscosso su pacchi con un valore totale superiore ai 500€ al mese e un peso oltre i 31 kg. Dal 1° luglio 2019 invece, la soglia sarà di 100€ e di 31 kg per una spedizione, ma al tempo stesso non dovrà superare il valore di 200 € mensili all’indirizzo di una sola persona.

 

Come riportato a giungo dal quotidiano Kommersant, il Ministero delle Finanze e il Ministero delle Comunicazioni hanno optato per un abbassamento graduale della soglia in modo che ciò non gravasse troppo sui consumatori, sui sistemi di informazione e sui dipendenti delle poste russe, del Servizio federale delle dogane e dei corrieri espressi.

 

Come spiegato dal vice presidente del Servizio Federale Doganale Timur Maksimov, il modello proposto potrebbe avere un ‘effetto ambiguo’ per i consumatori, ma “un leggero aumento del prezzo dovrebbe essere compensato dalla garanzia e dalla qualità dei prodotti importati”. Secondo le sue parole, di questa soluzione beneficeranno in primis i produttori russi, per i quali la vendita diventerà più trasparente, ma anche gli acquirenti, poiché i negozi, trovandosi in una condizione di maggiore concorrenza, cercheranno di migliorare la qualità del servizio.

 

Contrario a questa riduzione è il capo dell’Associazione nazionale del commercio a distanza (NADT), Alexander Ivanov, secondo il quale non solo la soglia di €100 è troppo bassa, ma soprattutto la proposta non è redditizia per il bilancio, in quanto porterà allo sviluppo del contrabbando e trasferirà il ramo del commercio elettronico transfrontaliero in una sorta di “zona grigia”.

 

IC Trade è la società di IC&Partners con sede a Mosca che può fornire maggiori dettagli sul tema sopra esposto, oltre che consulenza per l’accompagnamento alle certificazioni obbligatorie di prodotto EAC per l’Unione doganale euroasiatica.

it_ITItaliano