m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
Commercio estero ISTAT: a novembre export in calo – IC & Partners
10701
post-template-default,single,single-post,postid-10701,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-it_IT,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Commercio estero ISTAT: a novembre export in calo

Sono stati diffusi dall’ISTAT i dati sul commercio estero relativi al mese di novembre 2019.

Nel mese analizzato, l’export è in calo rispetto al mese precedente, dovuta all’ampia diminuzione delle vendite verso i mercati extra Ue (-8,1%), mentre quella verso l’area Ue è più contenuta (-0,9%). Le importazioni restano invariate.

La flessione dell’export su base annua, pari a -3,2%, è dovuta al calo delle vendite registrato sia per l’area Extra UE (-3,7%) sia, in misura minore, per quella UE (-2,7%). Analogamente le importazioni sono in diminuzione (-5,9%) principalmente dovuta sia dai mercati extra UE (-10,6%) sia dall’area UE seppur questa è meno ampia (-2,4%).

Tra i settori che contribuiscono alla flessione tendenziale dell’export si segnalano mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi autoveicoli (-23,7%), , macchinari e apparecchi n.c.a. (-5,5%), metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (-5,1%) e computer, apparecchi elettronici e ottici (-11,5%); mentre nello stesso mese contribuiscono positivamente gli articoli farmaceuticichimico-medicinali e botanici (+22,4%), gli articoli in pelle, escluso abbigliamento, e simili (+5,9%) e articoli di abbigliamento, anche in pelle e in pelliccia (+3,0%).

Su base annua, i Paesi che contribuiscono in misura più ampia alla flessione delle esportazioni nazionali sono Stati Uniti (-10,5%), Spagna (-10,8%), Germania (-4,5%), Regno Unito (-8,7%) e Cina (-15,5%), mentre si registra un incremento delle vendite verso Svizzera (+11,4%), Francia (+2,5%), Giappone (+17,8%), Belgio (+9,2%) e Turchia (+13,3%)

Nei primi undici mesi del 2019, l’aumento su base annua dell’export (+2,1%) è determinato principalmente dalle vendite di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+25,8%), prodotti alimentari, bevande e tabacco (+6,3%), prodotti tessili e dell’abbigliamento, pelli e accessori (+9,2%) e articoli di abbigliamento, anche in pelle e in pelliccia (+6,8%).

Si stima che il surplus commerciale a novembre 2019 aumenti di 897 milioni di euro (da +3.975 milioni a novembre 2018 a +4.872 milioni a novembre 2019). Nei primi undici mesi dell’anno l’avanzo commerciale raggiunge +47.909 milioni (+83.331 milioni al netto dei prodotti energetici).

Nel mese di novembre 2019 si stima che l’indice dei prezzi all’importazione cresca dello 0,6% rispetto al mese precedente e diminuisca del 2,1% in termini tendenziali.

Fonte: ISTAT, Commercio estero Novembre 2019, elaborazioni IC&Partners, news@icpartners.it

it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano