m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
Prevenzione e risoluzione delle controversie commerciali internazionali – IC & Partners
8085
post-template-default,single,single-post,postid-8085,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-it_IT,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Prevenzione e risoluzione delle controversie commerciali internazionali

controversie commerciali

E’ importante, soprattutto quando operano in contesti economici di respiro internazionale, che le aziende conoscano e utilizzino i metodi per la prevenzione e la risoluzione delle controversie commerciali alternative alle vie tradizionali.

Hubert Escaith, capo dell’ufficio statistiche del World Trade Organisation – WTO – ha spiegato in un’intervista recente cosa è cambiato negli ultimi dieci anni nei rapporti commerciali internazionali tra imprese. Un medesimo bene, ha illustrato, è fabbricato in Paesi diversi utilizzando materie prime e servizi che provengono da altri Paesi ancora.

 

In questo contesto, il contratto internazionale è un sistema articolato di relazioni gestite da imprese, a volte indipendenti a volte collegate da un punto di vista societario, ed è impensabile avere come unico riferimento quale elemento di prevenzione e gestione dei contenziosi il Tribunale di un certo Stato.

 

Gli imprenditori devono poter elaborare le previsioni più appropriate alla specifica relazione commerciale contemperando gli interessi in gioco e prescindendo dagli usi e dalle regole dettate dal diritto dei Paesi delle parti, salvo quelle imperative.

Ed ecco che a tali nuove istanze vengono in soccorso i metodi alternativi di risoluzione delle controversie che sempre più stanno prendendo piede in tutto il mondo e che permettono di risolvere le liti con tempi e modi differenti e alternativi, appunto, rispetto al tribunale ordinario. Tra di essi si ricorda l’arbitrato.

 

Quali sono i vantaggi del ricorso all’arbitrato?

 

  • La flessibilità, laddove le parti possono scegliere le regole procedurali cui gli arbitri dovranno attenersi nel giudicare: potranno, ad esempio, determinare la sede e la lingua dell’arbitrato, nonché stabilire le norme che gli arbitri applicheranno per decidere la controversia.

 

  • La rapidità, il Consiglio Arbitrale della Camera, che è l’organo di governo delle Camere Arbitrali funzionanti presso le Camere di Commercio ove esse sono attivate, vigila sulla durata del procedimento monitorando l’attività di arbitri e parti per garantire una rapida soluzione delle controversie.

 

  • L’efficacia, la Segreteria della Camera effettua il controllo di regolarità formale del lodo allo scopo di ridurre al minimo le possibilità di impugnazione.

 

  • I costi, al Regolamento della Camera è allegato un tariffario, che rende le spese di procedimento e gli onorari degli arbitri immediatamente conoscibili.

 

  • La riservatezza, tutti i soggetti coinvolti nel procedimento sono tenuti, da Regolamento, a osservare la riservatezza del procedimento stesso e del lodo.

 

Per scegliere la Camera arbitrale alla gestione dell’eventuale contenzioso, le parti potranno optare per quella che appartiene al Paese dell’una o dell’altra o ricorrere a camere arbitrali internazionali neutre quali la Camera di Parigi o di Londra, anche se tendenzialmente queste due sono scelte per questioni particolarmente rilevanti stanti le tariffe più alte della media delle camere arbitrali.

 

Le camere di Vienna e Stoccolma, collegate alle rispettive Camere di commercio, pur meno onerose, sono solitamente ben accettate da parti cinesi, russe e operatori dell’Est Europa in generale.

 

In Italia, Milano ha una propria Camera Arbitrale con una considerevole esperienza internazionale.

 

Come scegliere la Camera arbitrale?

 

Nella valutazione della Camera arbitrale per la gestione dell’arbitrato amministrato le parti dovranno comunque porre attenzione principalmente a due aspetti:

  • il regolamento della Camera arbitrale prescelta e i servizi offerti a supporto del procedimento
  • i costi dovuti alla Camera arbitrale per la gestione del procedimento e i costi relativi ai compensi degli arbitri.

 

IC&Partners garantisce assistenza nella redazione accurata delle clausole arbitrali e nella scelta più appropriata delle Camere arbitrali competenti, perché da sempre pone massima attenzione alla pianificazione e predisposizione della contrattualistica internazionale.

it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano