m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
SIMEST: Misure a sostegno delle imprese esportatrici in UCRAINA, RUSSIA o BIELORUSSIA – IC&Partners
16881
post-template-default,single,single-post,postid-16881,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-en_GB,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

SIMEST: Misure a sostegno delle imprese esportatrici in UCRAINA, RUSSIA o BIELORUSSIA

In soccorso delle imprese esportatrici in Russia, Ucraina e Bielorussia o delle imprese esportatrici che si approvvigionano da Russia, Ucraina e Bielorussia due interessanti strumenti da SIMEST SpA in partenza rispettivamente a luglio e settembre.

Dal 12 Luglio sarà possibile partecipare alla misura “Sostegno alle imprese italiane esportatrici in Ucraina e/o Federazione Russa e/o Bielorussia”

Si tratta di un finanziamento agevolato a tasso zero con una eventuale quota di cofinanziamento a fondo perduto, in regime di Temporary Crisis Framework, fino al 40% dell’intervento agevolativo complessivo, nei limiti di € 400.000 di agevolazione.

Le imprese italiane destinatarie di tale misura sono quelle che hanno realizzato, negli ultimi 3 anni, un fatturato medio export verso Ucraina e/o Federazione Russa e/o Bielorussia di almeno il 20%, subendo una flessione dei ricavi da tali aree a seguito del conflitto.

Le novità introdotte sono:

  • Contributo a fondo perduto fino al 40% e la restante parte come finanziamento a tasso zero.
  • La misura si applica fino al 31 dicembre 2022.
  • data apertura del portale 12 luglio 2022 ore 9:00 chiusura 31 ottobre 2022 ore 18:00.

I beneficiari ammissibili:

  • impresa con sede legale in Italia costituita in forma di società di capitali, configurabile come PMI o Mid Cap. In caso di imprese aggregate le stesse dovranno costituire una Rete Soggetto con autonoma soggettività giuridica mediante la sottoscrizione di un contratto di Rete;
  • essere in stato di attività e risultare iscritta al registro delle imprese;
  • aver depositato presso il Registro imprese almeno 3 Bilanci relativi a 3 Esercizi completi. I bilanci devono riguardare lo stesso soggetto richiedente (identificato dal codice fiscale);
  • avere un rapporto Fatturato medio estero (a livello aggregato verso l’Ucraina e/o Federazione Russa e/o Bielorussia)/Fatturato totale almeno pari al 20%, come dichiarato e asseverato da un soggetto iscritto al Registro dei Revisori Contabili tenuto dal MEF;
  • dichiarare un calo del fatturato estero a livello aggregato verso l’Ucraina e/o Federazione Russa e/o la Bielorussia e di prevedere che, al termine dell’esercizio 2022, tale calo di fatturato sia complessivamente pari o superiore al 20% del fatturato medio estero realizzato verso questi tre paesi nel triennio precedente.

L’Agevolazione:

L’importo concedibile dell’Intervento Agevolativo è pari al 25 % dei ricavi risultanti dagli ultimi due Bilanci dell’Impresa Richiedente ed è compreso tra un minimo pari a € 50.000 e un massimo di € 1.500.000 per PMI e Mid Cap con Scoring A1-A2 o € 800.000 per PMI e Mid Cap con Scoring A3-A4.

L’importo dell’Intervento Agevolativo, nei limiti dell’importo massimo sopra indicato, è richiesto dall’Impresa Richiedente a titolo di Finanziamento. Una quota dell’importo richiesto può essere riconosciuta a titolo di Cofinanziamento  nei limiti dell’aiuto massimo concedibile di € 400.000.

Il finanziamento va restituito a partire dal terzo anno e fino al sesto dalla data di concessione, i primi 2 anni sono di preammortamento.

Sono richieste garanzie che vanno dallo 0% al 40% a seconda dello scoring di appartenenza.

Da settembre sarà possibile partecipare alla misura “Sostegno alle imprese esportatrici con approvvigionamenti da Ucraina e/o Federazione Russa e/o Bielorussia”

Si tratta di un finanziamento destinato alle imprese esportatrici verso qualunque area geografica con approvvigionamenti da Ucraina e/o Federazione Russa e/o Bielorussia e che subiscano un calo degli stessi o un aumento complessivo del costo totale di tali forniture.

Il finanziamento, il cui rimborso è a tasso zero, può prevedere una quota di cofinanziamento a fondo perduto, in regime di Temporary Crisis Framework, fino al 40% dell’intervento agevolativo complessivo, nei limiti di € 400.000 di agevolazione.

I Beneficiari:

PMI e Mid Cap italiane, costituite in forma di società di capitali che:

  • abbiano depositato presso il Registro imprese almeno tre bilanci relativi a tre esercizi completi
  • abbiano un fatturato export medio complessivo nel triennio 2019-2021 pari ad almeno il 10% del fatturato medio totale del triennio 2019-2021
  • abbiano registrato, sulla base degli ultimi tre bilanci (2019-2021), una quota minima di approvvigionamenti da Ucraina e/o Federazione Russa e/o Bielorussia, rispetto agli approvvigionamenti complessivi, pari ad almeno il 5% (10% nel caso di approvvigionamenti indiretti di semilavorati e prodotti finiti strumentali al ciclo produttivo e nel caso di approvvigionamenti misti diretti e indiretti) come asseverato da un revisore (verifica le modalità nell’Allegato 1 alla Circolare)
  • abbiano riscontrato un rincaro dei costi degli approvvigionamenti, che, al termine dell’esercizio 2022, dovrà risultare almeno pari al 20% della media del triennio precedente, oppure abbiano riscontrato una riduzione dei quantitativi degli approvvigionamenti, che, al termine dell’esercizio 2022, dovrà risultare almeno pari al 20% della media del triennio precedente, come asseverato da un revisore (verifica le modalità nell’Allegato 1 alla Circolare)

L’Agevolazione:

L’importo concedibile dell’Intervento Agevolativo è pari al 25 % dei ricavi risultanti dagli ultimi due Bilanci dell’Impresa Richiedente ed è concesso fino ad un massimo di € 1.500.000.

L’importo dell’Intervento Agevolativo, nei limiti dell’importo massimo sopra indicato, è richiesto dall’Impresa Richiedente a titolo di Finanziamento. Una quota dell’importo richiesto può essere riconosciuta a titolo di Cofinanziamento  nei limiti dell’aiuto massimo concedibile di € 400.000.

Il finanziamento va restituito a partire dal terzo anno e fino al sesto dalla data di concessione, i primi 2 anni sono di preammortamento.

Sono richieste garanzie che vanno dallo 0% al 40% a seconda dello scoring di appartenenza.

VUOI SAPERNE DI PIU’?

Guarda ora Export Talks – SIMEST: misure a sostegno delle imprese esportatrici in Russia, Ucraina, Bielorussia presente sul nostro canale YouTube

Da oltre 25 anni siamo a fianco delle imprese per supportarle nel processo di internazionalizzazione, abbiamo sedi in Russia ed Ucraina quindi conosciamo bene i bisogni delle imprese in questo momento.

CONTATTACI PER UNA PRE-VALUTAZIONE DEL TUO PROGETTO!

 


IC&Partners è la prima e più grande piattaforma di entry strategy e di supporto agli investimenti diretti esteri delle imprese italiane con le sue 27 sedi estere nei principali mercati globali e le 30 partnership è in grado di raggiungere 47 Nazioni off line e 190 on line . IC&Partners è specializzata in consulenza per l’internazionalizzazione d’impresa in ambito fiscale, legale, contabile, amministrativo, finanziario e di gestione delle risorse umane all’estero oltre che di servizi  di export management. Il Gruppo nasce a fine degli anni 90 con focus di specializzazione sui Paesi dell’Est Europa.

Negli anni ha esteso la sua operatività nel resto mondo e oggi conta 27 uffici diretti nei principali mercati globali: Stati Uniti, Russia, Cina, India, Polonia, Bosnia – Erzegovina, Hong Kong, Bulgaria, Filippine, Messico, Romania, Vietnam, Serbia, Svizzera, Ucraina, Ungheria.

IC&Partners ha partnership qualificate in: Albania, Australia, Austria, Benin, Bielorussia, Brasile, Croazia, Dubai, Ecuador, Egitto, Germania, Kazakhstan, Kosovo, Malesia, Malta, Marocco, Moldavia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Sud Africa, Thailandia, Tunisia, Turchia.


Fonte: Camera.it e Simest, elaborazioni a cura di IC&Partners, news@icpartners.it riproduzione riservata