m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
Ungheria, Coronavirus: aggiornamenti dalla nostra sede – IC&Partners
11698
post-template-default,single,single-post,postid-11698,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-en_GB,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Ungheria, Coronavirus: aggiornamenti dalla nostra sede

Il raggiungimento di 2,5 milioni di vaccinati, su 10 milioni di popolazione, ha consentito parziali riaperture a partire da mercoledì 7 aprile: i negozi potranno aprire dalle ore 5.00 fino alle 21.30 con un limite di una persona per 10 mq, possono riaprire le attività di servizio, il coprifuoco inizierà alle 22.00 anziché 20.00. I ristoranti dovranno rimanere chiusi e potranno continuare a fare delivery, gli alberghi rimangono aperti solo per clienti business, cinema e teatri rimangono chiusi. Non sono state modificate le regole all’ingresso nel paese. Le scuole primarie riapriranno il 19 aprile, dopo che tutto il corpo docente e non docente sarà stato vaccinato.

Ulteriori decisioni saranno prese al raggiungimento dei 3 milioni di vaccinati, previsto per metà aprile, mentre per inizio maggio il piano vaccinale prevede il raggiungimento di 4 milioni di vaccinati.

É possibile registrarsi presso il sito koronavirus.gov.hu se in possesso di una tessera sanitaria (TAJ szám), secondo il piano vaccinale tutti i registrati riceveranno il vaccino entro il mese di maggio.

Fino a nuove disposizioni, rimane necessario indossare la mascherina sempre e senza eccezioni al di fuori della propria abitazione, mantenendo la distanza di almeno 1,5 metri. Le attività all’aperto sono permesse, i parchi e i giardini botanici rimangono aperti, sempre con l’utilizzo di mascherina e distanziamento. É possibile continuar ad utilizzare le mascherine chirurgiche e di tessuto, non é obbligatorio utilizzare mascherina FFP2.

Con il quadro normativo attuale, possono entrare senza limitazioni e senza quarantena:

  • i cittadini ungheresi e ai cittadini stranieri con permesso di residenza permanente
  • i transfrontalieri che risiedono entro 30 Km dal confine;
  • i cittadini ungheresi che rientrano da un viaggio d’affari;
  • i cittadini non residenti che entrano per motivi di lavoro (amministratori di società ungheresi, oppure muniti di invito da parte di società ungherese);
  • i cittadini non residenti che attraversano il Paese utilizzando i „corridori umanitari” indicati sul sito della Polizia, senza possibilità di deroghe e deviazioni e con l’obbligo di lasciare il Paese entro 24 ore dall’ingresso

In tutti gli altri casi, compresi anche i motivi di lavoro non documentati e poco chiari, é necessario sottoporsi a quarantena di 10 giorni oppure fare due test PCR negativi. Il primo può essere fatto nei paesi Schengen, in USA o in Canada e il referto é in lingua inglese o ungherese. i cittadini non residenti possono entrare  nel Paese se sottoposti a quarantena. Quest’ultima può essere evitata facendo due test PCR con risultato negativo in Ungheria a distanza di 48 ore; il primo dei due test PCR può essere fatto  nei paesi Schengen, in USA o in Canada e il referto é in lingua inglese o ungherese.

Ricordiamo che secondo l’Ordinanza del Ministero della Salute italiano, prorogata fino al 30 aprile, l’Ungheria rientra tra i Paesi della fascia C, e pertanto chi ha soggiornato o transitato nel Paese nei 14 giorni antecedenti l’ingresso in Italia deve sottoporsi ad un test antigenico o molecolare prima della partenza, sottoporsi a quarantena obbligatoria di 5 giorni indipendentemente dall’esito dello stesso,  sottoporsi ad un ulteriore test molecolare o antigenico al termine della quarantena.

Le misure di sostegno all’economia riguardano da un lato l’agevolazione e la sospensione, per alcune categorie economiche, del pagamento dei contributi sul lavoro per il mese di marzo e aprile. Dal 8 marzo é possibile richiedere il finanziamento agevolato senza interessi per dieci anni fino ad un massimo di dieci milioni di HUF per le categorie che hanno subito perdite. Le categorie sono state individuate in base ai codici statistici di attività. É stata ridotta dal 2 all’1% l’aliquota dell’imposta comunale, provvedimento che ha generato proteste delle amministrazioni locali; ai primi dati statistici risulta che meno della metà delle aziende ungheresi ha deciso di avvalersi di questa agevolazione. Rimane in vigore la proroga per il rimborso dei mutui fino al 30.06.2021.

 

Desideri sapere come operare o continuare ad operare in questo Paese?

Vuoi limitare al massimo lo spostamento dei tuoi export manager?

Il business al tempo della crisi può essere risollevato in due modi:

  • Off line, con i nostri Temporary Resident Export Manager – Manager locali che operano direttamente dalle nostre sedi estere
  • On line: con le piattaforme Ecommerce e le Fiere Virtuali.

Contattaci per maggiori dettagli.

IC&Partners mette a disposizione videocall con i nostri esperti locali per tematiche: fiscali, societarie, finanziarie, commerciali. Se vuoi saperne di più compila il form e sarai ricontattato da un nostro esperto.

Fonte: IC&Partners Budapest, news@icpartners.it

Guarda ora Export Talks – Focus Ungheria presente sul nostro canale YouTube

 

en_GBEnglish (UK)