m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
Ungheria, Coronavirus: aggiornamenti dalla nostra sede – IC & Partners
11698
post-template-default,single,single-post,postid-11698,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-it_IT,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Ungheria, Coronavirus: aggiornamenti dalla nostra sede

Dal 1 settembre 2020 sono state ripristinate, per un mese, le misure restrittive all’ingresso nel Paese già introdotte a marzo e sospese a giugno. La normativa è stata modificata più volte e attualmente i cittadini ungheresi e i cittadini con permesso di residenza permanente possono rientrare nel Paese se sottoposti a quarantena. Quest’ultima può essere evitata facendo due test PCR con risultato negativo in Ungheria a distanza di 48 ore; il primo dei due test PCR può essere fatto  nei paesi Schengen, in USA o in Canada e il referto è in lingua inglese o ungherese. Sono previste deroghe per:

  • i transfrontalieri che risiedono entro 30 Km dal confine;
  • i cittadini ungheresi che rientrano da un viaggio d’affari, il rientro avviene senza limitazioni;
  • i cittadini non ungheresi possono entrare senza limitazioni se entrano con scopi di affari o scopi economici. Nel caso in cui i controlli al confine non consentono di stabilire con certezza lo scopo del viaggio, si applicano le limitazioni generali cioé quarantena e test. La norma é generica e si presta a interpretazioni.
  • é possibile anche attraversare l’Ungheria per raggiungere un paese confinante utilizzando peró i „corridoi umanitari” indicati sul sito della Polizia,  senza possibilitá di deroghe e deviazioni e con l’obbligo di lasciare il Paese entro 24 ore dall’ingresso

Da lunedi 21 settembre sono state introdotte misure più restrittive sull’utilizzo della mascherina nei negozi, nei luoghi pubblici e sui mezzi di trasporto. La mascherina deve essere indossata correttamente, con copertura della bocca e del naso. Non sono previste alternative come una sciarpa o un fazzoletto. La polizia può procedere ai controlli. Se il negoziante verifica che un cliente non indossa la mascherina o non la indossa correttamente, deve invitarlo a rispettare la normativa. Se nonostante il sollecito, il cliente continua a non rispettare le disposizioni di legge, deve essere accompagnato all’uscita e non deve essere servito. Il negoziante può essere sanzionato solo nel caso in cui non invita i clienti a rispettare le disposizioni. In caso di inerzia verificata, nel primo caso il negoziante riceve un ammonimento, nel secondo caso é prevista una sanzione da 100.000 a 1.000.000 HUF, nel terzo caso il negozio viene chiuso d’ufficio per un periodo da 3 giorni a un anno.

Simili disposizioni sono valide per centri commerciali, cinema, uffici postali, biblioteche, mezzi pubblici.

I locali di divertimento e i ristoranti potranno rimanere aperti fino alle 23.00.

Il prezzo per il test PCR é stato fissato d’ufficio, dal 1 ottobre a 19.500 HUF (56 euro), per coloro che lo richiedono volontariamente.

Dal 1 ottobre verrá misurata la temperatura corporea all’ingresso di asili e scuole di ogni ordine e grado.

I provvedimenti economici adottati dal Governo ungherese sono stati i seguenti:

  • moratoria del pagamento dei mutui e prestiti per persone fisiche e persone giuridiche fino al 31.12.2020;
  • fino al 30.06.2021 la moratoria é ulteriormente prorogata per famiglie con figli, per pensionati, disoccupati e dipendenti pubblici;
  • le persone giuridiche possono richiedere la proroga della moratoria fino al 30.06.2021 se dimostrano che i ricavi sono diminuiti di piú del 25% rispetto all’anno precedente.
  • estensione automatica dei permessi di maternità GYRES e GYED
  • modifiche alla Legge sul Lavoro per consentire deroghe che consentano lo svolgimento del lavoro da casa, ove possibile, e permettano maggiori controlli sanitari sui dipendenti
  • spostamento dei termini di deposito del bilancio e delle dichiarazioni dei redditi dal 31 maggio al 30 settembre;
  • imposta straordinaria sul fatturato del grandi gruppi economici, attivi nel commercio al dettaglio, abbigliamento, mobili, elettrodomestici, compreso e-commerce, pari allo 0,1% per fatturato tra 1,4 e 86 milioni di euro, 0,4 % tra 86 e 285 milioni di euro e 2,5% oltre 285 milioni di euro; l’imposta versata di tramuterá i prossimi esercizi in un credito d’imposta;
  • istituzione di un fondo statale per il sostengo delle imprese in difficoltá, che prevede l’ingresso temporaneo nel capitale di aziende che possono garantire un ritorno dell’investimento.

Una prima stima degli effetti economici della pandemia prevede un calo del PIL su base annua del 9,5%. Il calo del II trimestre 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019 è stato del 13,6%. Nel I semestre 2020 rispetto ad un anno prima la contrazione è stata del 6,1%. Il settore del turismo in senso lato (alberghi, ristoranti, retail di marche di lusso) sta riscontrando grosse difficoltà vista la ridotta presenza di turisti stranieri, compensata con la maggior presenza di nazionali, soprattutto nell’area del Lago Balaton. Viene stimato che a fine 2020 una impresa su 10 non riaprirà o chiuderà la propria attività.

Desideri sapere come operare o continuare ad operare in questo Paese?

Vuoi limitare al massimo lo spostamento dei tuoi export manager?

Il business al tempo della crisi può essere risollevato in due modi:

  • Off line, con i nostri Temporary Resident Export Manager – Manager locali che operano direttamente dalle nostre sedi estere
  • On line: con le piattaforme Ecommerce e le Fiere Virtuali.

Contattaci per maggiori dettagli.

IC&Partners mette a disposizione videocall con i nostri esperti locali per tematiche: fiscali, societarie, finanziarie, commerciali. Se vuoi saperne di più compila il form e sarai ricontattato da un nostro esperto.

Fonte: IC&Partners Budapest, news@icpartners.it

Guarda ora Export Talks – Focus Ungheria presente sul nostro canale YouTube

it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano