m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
Europa Emergente e CSI, le mille ed una opportunità – IC & Partners
9508
post-template-default,single,single-post,postid-9508,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-it_IT,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Europa Emergente e CSI, le mille ed una opportunità

Secondo l’ultimo rapporto SACESIMEST, nel 2018 l’export italiano verso l’Europa Emergente e la Comunità degli Stati Indipendenti (CSI) è cresciuto del  4,5% e – grazie al miglioramento del quadro economico regionale, all’aumento del prezzo del petrolio e alla ripartenza di alcuni investimenti strategici che coinvolgono le forniture italiane – presenta prospettive positive anche per il 2019 (+4,1%) e per il triennio successivo (+5,1%).

Analizzando i principlai mercati di sbocco italiani in Europa contro-orientali, si evidenzia che nel 2019, secondo lo stesso rapporto, le esportazioni verso la Polonia e la Repubblica Ceca, sono attese in aumento rispettivamente, +3,7% e +4,1% e nel triennio successivo (2020-2022) cresceranno con un +5,4% e +6,4%, in media. Questa dinamica sarà trainata dagli investimenti pubblici in ambito europeo – in particolare nelle infrastrutture – dalla parziale ripresa dei principali partner commerciali e dai consumi privati, sostenuti da un tasso di occupazione in crescita. I settori maggiormente attrattivi nel 2019 per le nostre esportazioni saranno nei beni di investimento, in particolare meccanica strumentale e mezzi di trasporto, che aumenteranno del 3,4% in Polonia e del 3,3% in Repubblica Ceca (6% e 5,8%, in media, nel 2020- 2022). Particolarmente dinamiche anche le vendite dei beni di consumo Made in Italy, soprattutto abbigliamento, previste quest’anno in crescita del 3,9% in Polonia (3% nel 2020-2022) e del 4,7% in Repubblica Ceca (5%).

Nel 2019 la Romania, vivrà una dinamica più incerta, dovuta principalmente ad instabilità politica e al rallentamento economico legato a una domanda interna debole e a un calo degli investimenti. In ogni caso, nel 2019, l’export italiano crescerà del 2,3% e del 4,5% nel 2020-2022: i beni di consumo (-1,4% nel 2019 e +2,6% nel 2020-2022) e quelli intermedi (-0,8% nel 2019 e +2,9% nel 2020-2022) risentiranno della debolezza dell’economia, mentre i beni di investimento (+7,7% nel 2019 e +7,2% nel 2020-2022), continueranno a crescere anche grazie al recupero della produzione industriale destinata all’export.

Altresì in crescita sono le previsioni per Bulgaria, Croazia e Ungheria, grazie a un quadro economico in miglioramento, dove, seppure su livelli inferiori, nel 2019 l’export italiano crescerà rispettivamente +5,9%, +3,7% e +3,6%.

In forte crescita (+6,1% nel 2019) invece risulteranno le esportazioni di Made in Italy in Russia, grazie alle dinamiche positivi del PIL e alla spesa per gli investimenti, e dovrebbero mantenere una buona performance anche nel 2020-2022 (+4,5%). Nel 2019 infatti è attesa una ripartenza dei beni di investimento (+9,7%), con un +6% medio nel 2020-2022 per effetto di nuovi progetti nelle zone artiche e nelle infrastrutture, ed una ripresa anche per i beni di consumo (+2,5%, in media, nel periodo 2020- 2022) e sosterranno l’agroalimentare (+5,7%) grazie ad alcune misure a sostegno del potere d’acquisto e la riduzione prevista dei tassi d’interesse.

Nel 2019 manterrà un’apprezzabile domanda di beni italiani L’Ucraina (+6,3 e +6,5% medio nel triennio successivo), nonostante il quadro geopolitico complesso e l’incertezza per le scadenze elettorali e finanziarie, grazie al traino dei beni di investimento (+7,7%, in media, nel triennio 2020-2022), necessari per la diversificazione economica in corso, e dei beni intermedi (+6%), in cui diversi settori risentono dell’uscita di scena dei fornitori russi.

In Bielorussia, il Piano Nazionale per lo Sviluppo dell’Economia Verde 2016-2020 (rinnovabili, gestione e trattamento rifiuti, edilizia sostenibile, efficienza energetica, agroindustria) incentiverà la domanda di beni di investimento. Al contempo, è in corso la realizzazione di un polo farmaceutico per il mercato interno ed estero. L’export verso Minsk, cresciuto del 6,3% nel 2018, dovrebbe mantenere una crescita analoga nei prossimi anni, grazie anche all’ammodernamento degli impianti di trasformazione delle materie prime, con benefici per la meccanica strumentale (+7,3%, nel 2020-2022).

IC&Partners è attiva nei mercati indicati con proprie sedi estere contattaci per avere maggiori dettagli

Fonte: redazione ed eleborazione a cura di IC&Partners su dati SaceSimest

it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano