m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
Lazio, Contributi a Fondo Perduto per progetti di internazionalizzazione – IC & Partners
11321
post-template-default,single,single-post,postid-11321,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-it_IT,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Lazio, Contributi a Fondo Perduto per progetti di internazionalizzazione

La Regione Lazio ha emesso due bandi per promuovere i progetti di internazionalizzazione e di export delle imprese laziali. Stanzia infatti contributi a fondo perduto che in alcuni casi possono coprire fino al 70% della spesa.

I bandi in oggetto sono:

  • Voucher Internazionalizzazione
  • Progetti di Internazionalizzazione

Vediamoli di seguito nello specifico.

VOUCHER INTERNAZIONALIZZAZIONE

Obiettivi

Il bando è volto a sostenere gli interventi di internazionalizzazione per favorire l’accesso sui mercati esteri delle MPMI regionali.

Destinatari

I destinatari degli Aiuti previsti dal presente Avviso sono le MPMI, in forma singola, inclusi i Liberi Professionisti, titolari di partita IVA.

I beneficiari devono avere, al più tardi al momento della richiesta della prima erogazione, una sede operativa nel territorio regionale del Lazio dove si svolge l’attività imprenditoriale oggetto del progetto di internazionalizzazione.

L’Agevolazione

L’Aiuto è concesso in regime De Minimis, sotto forma di contributo a fondo perduto in misura compresa fra il 45% e il 70% dell’importo complessivo del Progetto ammesso.

I progetti ammessi devono presentare un importo Costi di Progetto ammissibili da rendicontare (esclusi i costi di personale, calcolati a forfait) in misura minima pari a 5.000 euro e massima pari a 35.000 euro.

Interventi ammissibili

Sono ammissibili progetti di internazionalizzazione e di promozione dell’export delle PMI finalizzati all’apertura e al consolidamento nei mercati esteri, che prevedono la realizzazione di una o più Tipologie di Intervento:

a) Partecipazione a Fiere: la partecipazione a manifestazioni fieristiche e/o a saloni internazionali e/o a rilevanti eventi commerciali (cumulativamente anche solo «Eventi») in Paesi U.E e in Paesi extra UE.

b) Servizi TEM: l’acquisizione di servizi per l’internazionalizzazione, forniti da una “Società di TEM” (Temporary Export Manager) iscritta nell’apposito elenco tenuto presso il Ministero dello Sviluppo Economico come IC&Partners SpA oppure che abbiano un’esperienza almeno triennale in progetti simili.

Spese ammissibili

  1. Costi di Progetto da rendicontare: connessi alla partecipazione a manifestazioni fieristiche, saloni internazionali, rilevanti eventi commerciali ovvero affitto di spazi espositivi e inserimento nel catalogo dell’evento, progettazione e allestimento dello stand, trasporto e assicurazione dei materiali, servizi di interpretariato e hostess, produzione di materiali promozionali; spese per prestazioni di servizi a supporto dell’internazionalizzazione (a corpo o a giornata/ora) forniti nell’ambito del progetto
  2. Costi del Personale a forfait: relativi al personale che partecipa all’Evento e/o che opera in affiancamento al soggetto che offre Servizi TEM; sono riconosciuti nella misura pari al 15% dei Costi di Progetto da rendicontare; si considera anche il tempo eventualmente dedicato da personale non dipendente e/o dal titolare della MPMI e/o dai Liberi Professionisti

Dotazione finanziaria

L’Avviso ha una dotazione finanziaria di 5.000.000 Euro divisa fra due finestre, a valere sulle risorse del POR FESR 2014-2020, Azione 3.4.2, Sub-Azione “Voucher per l’internazionalizzazione e acquisto di altri servizi” . È prevista inoltre una riserva del 20% per le imprese aventi Sede Operativa in uno dei Comuni ricadenti nelle Aree di Crisi Complessa della Regione Lazio

Tempistiche

Presentazione domande per la seconda finestra a partire dal 4 marzo 2020 fino al 30 aprile 2020.
Periodo riferimento interventi: dalla data di presentazione domanda fino al 30 aprile 2021

Il secondo PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Obiettivi

Sostenere gli interventi di internazionalizzazione per favorire l’accesso sui mercati esteri delle MPMI regionali rappresentative dei comparti e settori regionali, che siano fondati sul collegamento tra internazionalizzazione e innovazioni di prodotto e di processo e l’incrocio tra manifattura e terziario avanzato, prioritariamente quelli ricadenti nelle aree della “Smart Specialisation Strategy (S3)”

Destinatari

I destinatari degli Aiuti previsti dal presente Avviso sono le MPMI, in forma singola, inclusi i Liberi Professionisti, titolari di partita IVA. Le aggregazioni possono essere composte al massimo da 6 MPMI.

L’Agevolazione

L’Aiuto è concesso in regime De Minimis, sotto forma di contributo a fondo perduto  fino al 50% dell’importo complessivo del Progetto ammesso. l’ammontare massimo non potrà superare 200.000 euro per ciascuna MPMI, anche in caso di Progetti presentati e realizzati da più MPMI mediante un’Aggregazione Temporanea.

I progetti ammessi devono presentare un importo Costi di Progetto ammissibili da rendicontare non inferiori a: i. 36.000 euro nel caso di Progetti presentati da una MPMI in forma singola; ii. 36.000 euro, con un importo minimo di 12.000 euro per singola MPMI, nel caso di Progetti da realizzare mediante una Aggregazione Temporanea

Interventi ammissibili

Sono ammissibili progetti di internazionalizzazione e di promozione dell’export delle PMI finalizzati all’apertura e al consolidamento nei mercati esteri, che prevedono la realizzazione di una o più Tipologie di Intervento:

  1. Cooperazione industriale, commerciale e di export in mercati esteri ritenuti prioritari per la ricerca di collaborazioni industriali, commerciali e di esportazione di prodotti e di servizi regionali:
  2. acquisizione di servizi specialistici per l’internazionalizzazione
  3. attività volte a migliorare, anche ai fini dell’esportazione, la qualità della struttura e del sistema produttivo e acquisire certificazioni attinenti alla qualità e alla tipicità dei prodotti e ai sistemi ambientali

Spese ammissibili

  1. Cooperazione industriale, commerciale e di export in mercati esteri ritenuti prioritari per la ricerca di collaborazioni industriali, commerciali e di esportazione di prodotti e di servizi regionali:

– Partecipazione a manifestazioni fieristiche, saloni internazionali e eventi commerciali all’estero

– Progettazione e realizzazione di eventi promozionali volti alla valorizzazione di filiere e reti di imprese; realizzazione temporanea all’estero, per un periodo massimo di 12 mesi, di showroom e di centri espositivi

– Azioni di promozione, comunicazione e marketing strumentali alle prime due azioni

  • Acquisizione di servizi specialistici per l’internazionalizzazione

– Consulenza strategica per l’elaborazione di un Piano di penetrazione commerciale in un determinato Paese e settore

– Consulenza strumentale al progetto di internazionalizzazione

– Spese relative al Temporary Export Manager erogate da un soggetto accreditato come IC&Partners e consulenze specialistiche ad integrazione di funzioni aziendali e funzionali al progetto di internazionalizzazione

  • Attività volte a migliorare, anche ai fini dell’esportazione, la qualità della struttura e del sistema produttivo e acquisire certificazioni attinenti alla qualità e alla tipicità dei prodotti e ai sistemi ambientali
  • Investimenti materiali e immateriali finalizzati al progetto di espansione su nuovi mercati
  • Investimenti materiali e immateriali, per diversificare la produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiuntivi o trasformare radicalmente il processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente, in funzione delle attività di internazionalizzazione previste dal Piano di Investimenti per l’Export.

Dotazione finanziaria

L’Avviso ha una dotazione finanziaria di 5.000.000 di Euro a valere sulle risorse del POR FESR 2014-2020, Azione 3.4.1, Sub-Azione “Strumenti per l’internazionalizzazione del sistema produttivo” È prevista una riserva di 3.000.000 di Euro per i Progetti presentati in Aggregazione Temporanea; tale riserva sarà attiva per un periodo massimo di 30 giorni dalla data di pubblicazione dell’Avviso sul BURL. Inoltre, il 20% della dotazione dell’Avviso è riservato alle MPMI aventi Sede Operativa in uno dei Comuni ricadenti nelle Aree di Crisi Complessa della Regione Lazio (riserva territoriale); il Progetto dovrà essere realizzato in tale Sede Operativa.

Tempistiche

Presentazione domande per la seconda finestra a partire dal 9 marzo 2020 fino al 25 giugno 2020.
Possibilità di compilare il formulario già dal 18 febbraio.

IC&Partners è la prima piattaforma italiana di entry strategy e di supporto agli investimenti diretti esteri che da 25 anni aiuta le imprese nel processo di internazionalizzazione. Ha 27 sedi estere ed è in grado di servire 44 Nazioni. Accreditata dal MISE come TEM qualificato ed INNOVATION MANAGER è presente a Roma in Piazzale delle Belle Arti 2.

Contattaci senza impegno per maggiori informazioni sui bandi o per valutare insieme una proposta di sviluppo sui mercati esteri compila il form e sarai ricontattato da un nostro esperto.

Fonte: elaborazione a cura di IC&Partners, news@icpartners.it

it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano