m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
Nasce il RCEP, il più grande accordo commerciale del mondo – IC&Partners
14150
post-template-default,single,single-post,postid-14150,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-it_IT,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Nasce il RCEP, il più grande accordo commerciale del mondo

A fronte di una tendenza al protezionismo presente nell’area occidentale del mondo, 15 importanti Paesi dell’Asia e Oceania (che rappresentano circa un terzo della popolazione mondiale, il 30% del Pil globale e oltre un quarto delle esportazioni nel mondo) danno vita alla più vasta area di libero scambio di prodotti e servizi.

Con la sottoscrizione del Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP), l’Australia, la Cina, la Corea del Sud, il Giappone, la Nuova Zelanda ed i Paesi membri dell’ASEAN puntano a ridurre le barriere doganali abbassando i dazi in molti settori, favorire gli investimenti e la cooperazione commerciale tra i Paesi firmatari, incrementare il commercio elettronico e la tutela della proprietà intellettuale.

Si tratta di un importante passo nella costruzione di un’area economica integrata tra l’Asia e l’Oceania che favorirà la crescita di questa vasta regione e la ripresa post Covid-19.

La firma del RCEP viene in un momento di ripresa per le economie dell’area, come dimostrano in dati macro usciti nelle ultime ore.

In Cina in ottobre la produzione industriale è salita del 6,9% annuo, come in settembre. Nei primi 10 mesi dell’anno la produzione è cresciuta dell’1,8% su base annua, come da attese, in miglioramento dal +1,2% registrato a settembre per i primi 9 mesi dell’anno.

Le vendite al dettaglio sono cresciute a ottobre su base annua del 4,3% (+12,5% le vendite di automobili), migliore risultato da inizio anno (precedente +3,3%) anche se inferiore alle attese del +5%. Il dato cumulativo per i primi 10 mesi vede un calo del 5,9% dal -7,2% dei primi 9 mesi. Comunicato anche il tasso di disoccupazione di ottobre, sceso dal 5,4% al 5,3%.

Gli investimenti in asset fissi in Cina (esclusi quelli relativi al settore rurale) sono cresciuti dell’1,8% su base annua nel periodo da gennaio a ottobre, meglio del +1,6% atteso del +0,8% del periodo da gennaio a settembre.

Si rafforza quindi il ruolo della Cina che grazie al RCEP si propone come campione della globalizzazione e della cooperazione multilaterale. Duro colpo invece per gli Stati Uniti e, soprattutto, per le politiche protezionistiche di Donald Trump, che nel 2017 aveva deciso di uscire dal Trans-Pacific Partnership (Tpp) di fatto affondandolo. Ora è tutto nelle mani del successore Joe Biden: dovrà decidere se proseguire con il muro-contro-muro di Trump o aprire una nuova stagione di collaborazione globale.

Intanto Xi Jinping si è congratulato con Biden per la vittoria elettorale.

Per qualsiasi informazione aggiuntiva in materia o altro supporto locale potete compilare il nostro modulo contatti. Ricordiamo che IC&Partners con il suo team locale nell’area ASEAN è a disposizione.

Fonte: a cura di IC&Partners Asia – Pechino, news@icpartners.it – Riproduzione Riservata

it_ITItaliano