m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
Proroga fino al 15 giugno del divieto temporaneo per i viaggi non essenziali in entrata nell’area Schengen per i cittadini di Paesi terzi – IC & Partners
12709
post-template-default,single,single-post,postid-12709,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-it_IT,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Proroga fino al 15 giugno del divieto temporaneo per i viaggi non essenziali in entrata nell’area Schengen per i cittadini di Paesi terzi

Nella giornata di ieri 8 maggio la Commissione europea ha pubblicato la comunicazione (visionalibile cliccando qui) con cui propone la proroga del divieto temporaneo per i viaggi non essenziali in entrata nell’area Schengen per i cittadini di Paesi terzi, già in essere dal 16 marzo e in scadenza il 15 maggio. La nuova misura sarà in vigore almeno fino al 15 giugno.

Nel documento la Commissione europea ribadisce le condizioni che regolano le disposizioni precedenti: restano vietati tutti i viaggi non essenziali verso l’Unione da parte di cittadini di Stati terzi; solo i cittadini e i residenti di lunga durata nell’UE o i professionisti stranieri che devono operare in territorio europeo, nonché taluni professionisti (ad es. medici) possono accedere nel territorio dell’UE.

Ieri il tema è stato discusso dalla riunione in videoconferenza dei ministri degli affari interni e durante l’audizione del Commissario per gli Affari interni, Ylva Johansson, con i membri della Commissione per le libertà civili (LIBE) del Parlamento europeo.

Secondo la commissaria, l’eliminazione delle restrizioni dovrà essere progressiva e coordinata tra gli Stati membri e ha insistito anche sul fatto che non sarà consentita la discriminazione tra cittadini di diversi Stati membri. Per la riapertura dei confini dovranno essere presi in considerazione tre criteri: il livello dell’epidemia su entrambi i lati del confine, lo scopo del viaggio e la presenza di misure di protezione.

it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano