m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
Bosnia ed Erzegovina, Coronavirus: aggiornamenti dalla nostra sede – IC&Partners
11713
post-template-default,single,single-post,postid-11713,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-it_IT,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Bosnia ed Erzegovina, Coronavirus: aggiornamenti dalla nostra sede

Negli ultimi giorni in Bosnia la situazione causata della pandemia COVID-19 è abbastanza stabile perché la velocità di diffusione dell’epidemia diminuisce.  Il numero complessivo di casi attivi è 29.209  (in Federazione BIH 16.529 casi, nella Repubblica Srpska 11.912 e nel distretto di Brčko 768).  Il tasso di positività giornaliero è di circa il 10-15% sul numero di test effettuati.

La situazione è sotto monitoraggio quotidiano dal Governo bosniaco ed è richiesto ai cittadini di rispettare con massima attenzione le misure adottate relativamente alla distanza sociale, all’ uso di mascherine nei luoghi  aperti e chiusi e di evitare gli assembramenti. Nella Bosnia ed Erzegovina è ancora in vigore lo stato straordinario e questo vale sia  per la Repubblica Srpska che per la Federazione di BIH.  Tutti gli organi giudiziari e amministrativi pubblici sono aperti però con massima attenzione sulle misure sanitarie vigenti.  Per ora non ci saranno misure aggiuntive che significherebbero “lockdown” per combattere il coronavirus. Si stima che le attuali misure epidemiologiche siano sufficienti a tenere sotto controllo la situazione e che il settore sanitario anche se sotto forte pressione, sta facendo bene il suo lavoro ed è pronto ad accogliere chiunque ne abbia bisogno promettendo ulteriori finanziamenti per il settore sanitario.

Attualmente i confini sono aperti verso Croazia, Serbia e Montenegro senza nessuna condizione. La decisione si applica solo ai cittadini di questi tre paesi. Dal 16.07.2020, i cittadini dell’Unione Europea e dei paesi Schengen possono  entrare nella Bosnia ed Erzegovina senza precisare la motivazione di entrata presentando in frontiera il test PCR negativo del virus SARS-COV-2 che non deve avere più di 48 ore.  La Croazia ha deciso di modificare le regole in merito all’attraversamento dei confini durante la pandemia. Tutti i provenienti dalle regioni “verdi” della UE possono entrare senza PCR test mentre tutti gli altri che vorranno entrare in Croazia, dovranno esibire un tampone negativo non più vecchio di 48 ore, oppure fare il test in Croazia, rimanendo però in autoisolamento fino all’arrivo dei risultati dello stesso. Per quanto riguarda invece chi vorrà entrare in Croazia dopo essere stato in Paesi che non fanno parte dell’Unione Europea, salvo rare eccezioni, avrà l’accesso negato. Le eccezioni riguardano i lavoratori transfrontalieri, gli studenti, i marittimi, le persone che viaggiano per motivi urgenti privati o d’affari e i pazienti che si recano all’estero per sottoporsi a cure mediche.

Per gli spostamenti da e per l’Italia si possono trovare informazioni utili  sul sito del Ministero degli Affari Esteri Italiano dell’Ambasciata Italiana di Sarajevo.

Le misure che sono ancora vigenti nel territorio della Bosnia ed Erzegovina sono le seguenti:

  • Quasi tutte le entità aziendali possono lavorare, con alcune eccezioni, principalmente nella Republika Srpska, che si riferisce al lavoro di locali notturni, cinema, teatri e sale di lettura. L’orario di apertura delle strutture di ristorazione è limitato nel tempo dalle 6.00 alle 22.00
  • Per la Federazione BiH è stato introdotto il coprifuoco dalle ore 23 alle 05
  • In Republika Srpska, sono vietati eventi pubblici con oltre 50 persone mentre in Federazione vale la stessa regola per eventi in posti chiusi mentre agli eventi organizzati all’aperto possono partecipare massimo 100 persone
  • Per quanto riguarda le misure sanitarie, è obbligatorio l’uso di una mascherina protettiva nei luoghi aperti e chiusi, nonché una distanza sociale di almeno 2 m nelle aree pubbliche e nelle strutture chiuse. Rimane l’obbligo di disinfezione regolare dei soggetti che lavorano direttamente col pubblico e ove possibile assicurano lavoro a sportello. É limitato il numero di persone che possono entrare contemporaneamente nei locali della pubblica amministrazione. 

IC&Partners Banja Luka è operativa e a disposizione dei clienti.

Desideri sapere come operare o continuare ad operare in questo Paese?

Vuoi limitare al massimo lo spostamento dei tuoi export manager?

Il business al tempo della crisi può essere risollevato in due modi:

  • Off line, con i nostri Temporary Resident Export Manager – Manager locali che operano direttamente dalle nostre sedi estere
  • On line: con le piattaforme Ecommerce e le Fiere Virtuali.

Contattaci per maggiori dettagli.

IC&Partners mette a disposizione videocall con i nostri esperti locali per tematiche: fiscali, societarie, finanziarie, commerciali. Se vuoi saperne di più compila il form e sarai ricontattato da un nostro esperto.

Fonte: IC&Partners Banja Luka, news@icpartners.it

 

Guarda ora Export Talks – Focus Bosnia ed Erzegovina presente sul nostro canale YouTube

it_ITItaliano