m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
Bosnia ed Erzegovina, Coronavirus: aggiornamenti dalla nostra sede – IC & Partners
11713
post-template-default,single,single-post,postid-11713,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-it_IT,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Bosnia ed Erzegovina, Coronavirus: aggiornamenti dalla nostra sede

Negli ultimi giorni in Bosnia si sono registrati numeri record per nuovi casi di COVID-19. Il numero complessivo di casi attivi è 6.623  (in Federazione BIH 3.542 casi, nella Repubblica Srpska 3.208 e nel distretto di Brčko 29). Complessivamente i numeri dell’epidemia nonostante la crescita rimangono sotto controllo e senza pressione eccessiva sulle strutture sanitarie.

La situazione attuale è sotto monitoraggio quotidiano ed è richiesto ai cittadini di rispettare con la massima attenzione le misure adottate relativamente alla distanza sociale, di usare le mascherine nei posti chiusi e di evitare gli assembramenti. Nella Bosnia ed Erzegovina è ancora in vigore lo stato straordinario e questo vale sia  per la Repubblica Sprska che per la Federazione di BIH.  Tutti gli organi giudiziari e amministrativi pubblici sono aperti però con massima attenzione sulle misure sanitarie vigenti. Trattandosi di una situazione epidemiologica relativamente ignota collegata anche  con le condizioni meteorologiche  (piogge e temperature basse) e soggiorni nei posti chiusi, che ha causato la crescita del numero dei contagi, il Governo sta considerando di prendere nuove misure restrittive che saranno pubblicate nel prossimo periodo in base allo sviluppo della situazione epidemiologica. 

Le scuole hanno riaperto dal 1 settembre con la massima attenzione alle misure igieniche ed epidemiologiche.

Attualmente i confini sono aperti verso Croazia, Serbia e Montenegro senza nessuna condizione. La decisione si applica solo ai cittadini di questi tre paesi.

Dal 16.07.2020, i cittadini dell’Unione Europea e dei paesi Schengen possono entrare nella Bosnia ed Erzegovina senza precisare la motivazione di entrata presentando in frontiera il test PCR negativo del virus SARS-COV-2 che non deve avere più di 48 ore.

Per gli spostamenti da e per l’Italia a questo link sul sito del Ministero degli Esteri si trovano utili informazioni.

Purtroppo l’Unione Europea, quindi anche l’Italia, ha chiuso le frontiere per l’entrata dei cittadini di paesi terzi tra i quali rientra la Bosnia ed Erzegovina.

Le misure ancora vigenti nel territorio della Bosnia ed Erzegovina sono le seguenti:

  • Quasi tutte le aziende possono lavorare, con alcune eccezioni, principalmente nella Republika Srpska, come locali notturni, cinema, teatri e sale di lettura. L’orario di apertura delle strutture di ristorazione è limitato dalle 6.00 alle 23.00.;
  • In Republika Srpska, sono vietati eventi pubblici con oltre 50 persone mentre in Federazione vale la stessa regola per eventi in posti chiusi mentre agli eventi organizzati all’aperto possono partecipare massimo 100 persone
  • Per quanto riguarda le misure sanitarie, è obbligatorio l’uso di una mascherina protettiva, nonché una distanza sociale di almeno 2 m nelle aree pubbliche e nelle strutture chiuse; In alcune città più colpite come la capitale Sarajevo,  è previsto l’uso di mascherine sia nei luoghi chiusi che in quelli aperti;

Nella Repubblica Srpska

  • Rinvio del primo canone dei pagamenti dell’ imposta immobiliare al 30 settembre e del secondo canone al 31 dicembre 2020;
  • Possibilità di rateizzare i pagamenti delle imposte senza interessi fino al 31 dicembre 2020 nel caso i contribuenti affrontino problemi nel rispettare i termini prescritti;
  • Moratoria di rimborso dei prestiti fino a tre mesi previa richiesta alla banca;
  • È in corso il pagamento dei contributi dal Governo della Repubblica Srpska ai soggetti che non erano chiusi durante il mese di aprile/maggio e che hanno affrontato i problemi di mancate consegne dei loro prodotti a causa della chiusura dei partner stranieri oppure a causa della perdita di mercato o simile. L’aiuto di stato corrisponde alle retribuzioni lorde minime per ciascun dipendente.

Per quanto riguarda la Federazione della Bosnia, le misure sono simili. E’ stata adottata la legge per mitigare le conseguenze economiche negative dell’epidemia da coronavirus. La legge prevede la sovvenzione in busta paga per un importo di KM 244,85 per dipendente a tutte le società che hanno registrato un calo del fatturato pari o superiore al 20% durante il periodo epidemico rispetto a gennaio e febbraio 2020. Inoltre, è prevista l’abolizione dei pagamenti anticipati sull’imposta sull’utile e sull’imposta sul reddito e nessun interesse di mora sarà applicato durante l’epidemia.

IC&Partners Banja Luka è operativa e a disposizione dei clienti.

Il 15/09 si terrà Export Talks con Focus Bosnia ed Erzegovina, un seminario gratuito della durata di 30 min su piattaforma zoom. Richiedi qui il tuo invito.

Desideri sapere come operare o continuare ad operare in questo Paese?

Vuoi limitare al massimo lo spostamento dei tuoi export manager?

Il business al tempo della crisi può essere risollevato in due modi:

  • Off line, con i nostri Temporary Resident Export Manager – Manager locali che operano direttamente dalle nostre sedi estere
  • On line: con le piattaforme Ecommerce e le Fiere Virtuali.

Contattaci per maggiori dettagli.

IC&Partners mette a disposizione videocall con i nostri esperti locali per tematiche: fiscali, societarie, finanziarie, commerciali. Se vuoi saperne di più compila il form e sarai ricontattato da un nostro esperto.

Fonte: IC&Partners Banja Luka, news@icpartners.it

it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano