m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
Bosnia ed Erzegovina, Coronavirus: aggiornamenti dalla nostra sede – IC & Partners
11713
post-template-default,single,single-post,postid-11713,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-it_IT,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Bosnia ed Erzegovina, Coronavirus: aggiornamenti dalla nostra sede

Dal 1 giugno, la Bosnia ed Erzegovina aprirà le sue frontiere mentre già da questa settimana gli uomini d’affari possono entrare in Bosnia avendo il test COVID-19 negativo di non oltre 48 ore e devono avere una lettera d’invito dalla società bosniaca che intendono visitare. Le persone che non avranno il test e devono comunque entrare in Bosnia ed Erzegovina, in frontiera riceveranno l’ordine di rimanere in quarantena 14 giorni.  

Rimane l’obbligo di indossare le mascherine nei luoghi pubblici.

Sempre valide le precedenti misure ovvero:

  • Le persone entranti in Bosnia ed Erzegovina senza test COVID -19 – hanno l’ obbligo di quarantena di 14 giorni,
  • Annullamento eventi pubblici con pubblico oltre 50 persone;
  • Obbligo di mascherina/copertura naso e bocca nei luoghi aperti al pubblico;
  • Distanziamento minimo di 2 metri nei luoghi pubblici e sul posto di lavoro;
  • Numero massimo di persone nei negozi superiori ai 100 m2 di una persona ogni 15 m2;
  • Nella Repubblica Srpska sarà annullato lo stato di emergenza il 20 maggio dopo la decisione dell’Assemblea popolare mentre nella Federazione sarà nei prossimi giorni anche.
  • Nella Repubblica Srpska – Rinvio termini di pagamenti di imposta sull’utile al 30/06/ 2020; –  Rinvio termini di pagamenti di altre imposte determinate in base alla dichiarazione fiscale annuale al 30/06/ 2020; Rinvio il primo canone di pagamenti di imposta immobiliare al 30 settembre mentre la secondo canone il 31 dicembre 2020; Possibilità di diluire i pagamenti delle imposte senza interessi fino al 31 dicembre 2020 nel caso se contribuenti affrontano i problemi per non poter rispettare i termini prescritti; – Moratoria di rimborso di prestiti fino a tre mesi previo la richiesta alla banca commerciale;
  • Il Governo dell’entità Repubblica Srpska ha adottato la decisione con la quale ha consentito che anche i soggetti che non erano chiusi durante il mese di aprile però che affrontano i problemi di mancate consegne di loro prodotti a causa di chiusura di partner stranieri oppure a causa di perdita di mercato o simile potranno contare sugli aiuti di stato in senso che anche a loro saranno approvati i contributi in valore che corrispondono alle retribuzioni lorde minime. Questi aiuti saranno pagati dal Fondo di solidarietà appositamente costituito per combattere contro la pandemia COVID-19.
  • Il Governo dell’entità Repubblica Srpska ha adottato anche la decisione con la quale ha ridotto il valore del compenso parafiscale annuale che si calcola in base al fatturato dal 0.04% a 0.03%. 
  • Per quanto riguarda la Federazione della Bosnia, le misure sono simili. Adottata la legge per mitigare le conseguenze economiche negative dell’epidemia della corona virus. La legge prevede la sovvenzione dell’obbligo di busta paga per un importo di KM 244,85 per dipendente a tutte le società che hanno registrato un calo del fatturato pari o superiore al 20% durante il periodo epidemico rispetto a gennaio e febbraio 2020. Inoltre, è prevista l’abolizione dei pagamenti anticipati sull’imposta sull’utile e sull’imposta sul reddito e nessun interesse di mora sarà addebitato al momento dell’epidemia. Queste misure dureranno fino a quando dura l’epidemia e anche 180 giorni dopo l’epidemia

IC&Partners Bosnia è operativa online a disposizione dei clienti.

Desideri sapere come operare o continuare ad operare in questo Paese?

Vuoi limitare al massimo lo spostamento dei tuoi export manager?

Il business al tempo della crisi può essere risollevato in due modi:

  • Off line, con i nostri Temporary Resident Export Manager – Manager locali che operano direttamente dalle nostre sedi estere
  • On line: con le piattaforme Ecommerce e le Fiere Virtuali.

Contattaci per maggiori dettagli.

IC&Partners mette a disposizione videocall con i nostri esperti locali per tematiche: fiscali, societarie, finanziarie, commerciali. Se vuoi saperne di più compila il form e sarai ricontattato da un nostro esperto.

Fonte: IC&Partners Banja Luka, news@icpartners.it

it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano