m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
Estensione ai Paesi dell’Unione Europea dell’operatività del fondo 394/81 di SIMEST – IC & Partners
13408
post-template-default,single,single-post,postid-13408,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-it_IT,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Estensione ai Paesi dell’Unione Europea dell’operatività del fondo 394/81 di SIMEST

Pubblicate il 28 Luglio in gazzetta ufficiale le novità riguardanti gli strumenti SIMEST che entreranno in vigore non appena saranno pubblicate le circolari operative da parte di SIMEST ossia il 6 agosto 2020. Sino all’entrata in vigore degli adeguamenti delle circolari operative restano in vigore i criteri e le procedure vigenti.

Vediamo insieme le principali novità:

  • Per tutti gli strumenti a valere sulla Legge 394/81 – che potete guardare qui – si allarga l’operatività all’Unione Europea (non più quindi solo Paesi Extra UE).
  • Finanziamento Patrimonializzazione allarga la platea dei beneficiari: non solo le PMI ma imprese esportatrici Piccole, Medie e a Media capitalizzazione; e che abbiano realizzato nei due esercizi precedenti a quello di presentazione della domanda, un fatturato estero la cui media sia pari ad almeno il 20% del fatturato aziendale totale, o, in alternativa, che abbiano realizzato nell’ultimo esercizio precedente a quello di presentazione della domanda un fatturato estero pari almeno al 35% del fatturato aziendale totale; Viene inoltre innalzato il livello massimo di solidità patrimoniale ammesso (che aumenta da 1,6 a 2 per impresa industriale/manifatturiera e da 2,6 a 4 per impresa commerciale/servizi).
  • Finanziamento Fiere allarga la platea dei beneficiari: non solo PMI ma tutte le imprese (anche GI), ed introduce la finanziabilità di fiere realizzate in Italia nonché quelle virtuali.
  • Finanziamento Inserimento mercati esteri: Il programma deve riguardare il lancio e la diffusione di beni e/o servizi prodotti in Italia, o distribuiti con marchio di imprese italiane e «secondo i criteri stabiliti con delibere del Comitato agevolazioni»; Si inserisce la possibilità di finanziare i Magazzini infatti la struttura estera può essere costituita da uffici, uno showroom , un magazzino, un negozio, un corner, centri di assistenza post vendita (fino a un max di 3 per ogni tipologia), alla realizzazione contemporanea di negozio e corner e alle certificazioni internazionali di prodotto. Nel caso di imprese già presenti con una propria struttura nel mercato di riferimento, sono ammesse le spese relative al potenziamento delle strutture esistenti. Non sono in nessun caso consentiti la costituzione o il potenziamento di una rete di distribuzione.
  • Finanziamento studi di pre-fattibilità e fattibilità collegati ad investimenti italiani si aggiunge la possibilità dei «programmi di assistenza tecnica» ossia per le spese relative al personale interno dell’azienda italiana richiedente fino a un massimo del 15%.
  • Finanziamento dei programmi di assistenza tecnica, si allarga la potenzialità: introducendo la formazione tecnica e l’assistenza post vendita; tali programmi quando relativi a formazione tecnica del personale debbono riguardare investimenti effettuati non più di dodici mesi prima della data di presentazione della domanda di intervento agevolativo.
  • Finanziamento e-commerce, le imprese che vogliono sfruttare le potenzialità del commercio elettronico, potranno vedere finanziato il proprio investimento (attraverso piattaforma propria o di terzi) anche se registrato con un dominio di primo livello generico, e non necessariamente geografico. Inoltre, potranno essere finanziati anche i costi di affitto per magazzino e delle certificazioni internazionali di prodotto.
  • Finanziamento Temporary Export Manager, viene esteso il concetto di TEM a tutte le figure professionali con qualsiasi specializzazione purché funzionali alla realizzazione di progetti di internazionalizzazione. (es. “Digital Marketing Manager” e “Innovation Manager”). Inoltre, viene introdotta la possibilità che la società fornitrice dei servizi di TEM abbia sede all’estero e vengono incluse ulteriori spese come quelle di integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali, di realizzazione/ammodernamento dei modelli organizzativi e gestionali e di ideazione per l’innovazione di prodotto e/o servizio.

Tutti i progetti di internazionalizzazione seguiti da IC&Partners comprendono anche l’assistenza sui finanziamenti Simest. Per saperne di più visita la pagina dedicata (qui) o compila il form e sarai ricontattato da un nostro esperto.

Fonte: Gazzetta Ufficiale, elaborazioni a cura di IC&Partners, news@icpartners.it riproduzione riservata

it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano