m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
LE PMI VANNO ALL’ESTERO VIAGGIANDO IN COMITIVA – IC&Partners
14393
post-template-default,single,single-post,postid-14393,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-en_GB,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

LE PMI VANNO ALL’ESTERO VIAGGIANDO IN COMITIVA

Il 95% delle 197mila aziende esportatrici italiane ha un massimo di 10 dipendenti. Ecco perché occorre fare sistema per crescere. Ne parliamo con Roberto Corciulo, presidente di IC&Partners

di Riccardo Venturi

E’ stato l’export a tenere a galla il Paese per tanti anni. Ora che la crisi pandemica sta trasformando il
commercio internazionale, le nostre aziende esportatrici sono di fronte a un bivio. Se capiscono che per affrontare i nuovi mercati globali devono fare sistema, attraverso reti di imprese o consorzi,
hanno la possibilità di crescere e di trasformare una sfida epocale in opportunità. Ma se non lo fanno, cedendo ancora una volta all’atavico vizio di voler a tutti i costi restare piccole e autonome, saranno travolte e sommerse dai marosi della crisi. È l’avvertimento di Roberto Corciulo, partner e presidente di
IC&Partners, società di consulenza per l’internazionalizzazione che opera da anni accanto alle imprese supportandone il processo di ingresso e di sviluppo sui mercati esteri.
Corciulo sottolinea che il 95% delle nostre circa 200mila aziende esportatrici sono micro imprese con meno di dieci dipendenti.
Una condizione inadatta a almeno una delle grandi accelerazioni imposte dalla pandemia: quella in direzione della nascita di macro-blocchi commerciali, come quello asiatico nato in Cina lo scorso novembre con la firma del grande accordo di libero scambio di cui fanno parte anche Giappone e Corea. Per operare in quelle macro aree è sempre più necessario avere una presenza in loco: produttiva, di after sale o almeno logistica. Per una piccola azienda è una mission impossible.

Leggi tutto l’articolo cliccando qui

Leggi tutta la rivista cliccando qui.

 

Fonte: Economy Mag

en_GBEnglish (UK)