m
Our Mission Statement
This is Photoshop's version of Loremer Ipsn gravida nibh vel velit auctoregorie sam alquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.
Follow Us
Top
Nuovi adempimenti per le società estere negli USA: obbligo di comunicazione del beneficiario effettivo – IC&Partners
15255
post-template-default,single,single-post,postid-15255,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,translatepress-it_IT,highrise-ver-1.4,,mkd-smooth-page-transitions,mkd-ajax,mkd-grid-1300,mkd-blog-installed,mkd-header-standard,mkd-sticky-header-on-scroll-up,mkd-default-mobile-header,mkd-sticky-up-mobile-header,mkd-dropdown-slide-from-bottom,mkd-dark-header,mkd-full-width-wide-menu,mkd-header-standard-in-grid-shadow-disable,mkd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Nuovi adempimenti per le società estere negli USA: obbligo di comunicazione del beneficiario effettivo

La legge denominata Corporate Transparency Act è stata approvata dal Congresso il 1 gennaio 2021 quale parte integrante del pacchetto di norme definito come “National Defense Authorization Act of 2021”.

La legge è il provvedimento più importante emanato dagli Stati Uniti negli ultimi 20 anni volto a contrastare il riciclaggio di denaro.

Quando saranno emanati i regolamenti attuativi, gran parte delle società domiciliate o residenti negli Stati Uniti dovranno comunicare le informazioni relative alla “beneficial ownership” al Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN) del dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

Lo scopo principale della nuova normativa è quello di portare alla luce le cosiddette “shell companies” che vengono utilizzate per finanziare il terrorismo, il crimine organizzato e genericamente per combattere il riciclaggio di denaro.

La legge impone oneri comunicativi alle società di nuova costituzione e con volumi di attività contenuti, essendo le società più strutturate già sottoposte ad altri controlli.

Pur non essendo ancora chiaro quali informazioni dovranno essere comunicate e con quale strumento (si ipotizza un allegato della prossima dichiarazione dei redditi) la struttura della norma prevede che tutte le corporation e le LLC dovranno procedere al nuovo adempimento con la sola eccezione di quei soggetti con “physical presence” nel territorio statunitense che, nel corso dell’esercizio precedente, abbiano avuto:

  • Più di 20 dipendenti
  • Un volume d’affari superiore a 5 milioni di dollari

Sembrerebbero altresì escluse le società quotate, le banche, le assicurazioni, le associazioni non -profit, i professionisti ed altre categorie di attività regolamentate – già controllate ed assoggettate ad altri obblighi comunicativi.

Per beneficiario effettivo si intende:

  • Il soggetto – persona fisica – che esercita un controllo sostanziale sulla società

Oppure

  • Il soggetto – sempre persona fisica – che possiede o controlla almeno il 25% del capitale della società

Sono previste anche qui eccezioni relative a minori, custodi giudiziali, curatori fallimentari, eredi e altri casi particolari che saranno definiti con gli emanandi regolamenti.

Le informazioni da comunicare sono:

  • Le complete generalità dell’individuo
  • La data di nascita
  • L’indirizzo di residenza
  • Il numero e la copia del passaporto in corso di validità o altro documento identificativo

Una volta comunicate, le informazioni devono essere aggiornate annualmente e non saranno pubbliche ma saranno rese disponibili alle autorità di pubblica sicurezza e finanziarie.

Le sanzioni per l’omessa comunicazione sono molto alte: una sanzione civile di $500 per ogni giorno di ritardo nella comunicazione ed una sanzione penale fino a $10.000 oltre ad un massimo di due anni di carcere.

Qualora fosse ravvisato il dolo le sanzioni penali aumenterebbero a $250.000 e fino a 5 anni di carcere.

Si attende ora che il dipartimento del Tesoro emetta le istruzioni per l’applicazione della nuova normativa così da essere pronti a rispettare correttamente e in tempo la futura scadenza.

La nostra sede in America localizzata a Houston e a New York è a disposizione per supportare le aziende localmente

 

Fonte: Elaborazioni a cura di IC Americas, news@icpartners.it – riproduzione riservata.

it_ITItaliano